Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Voci della Grande Guerra

Voci della Grande Guerra  è un’iniziativa scientifica e culturale che ha l’obiettivo di preservare e diffondere la memoria della Prima Guerra Mondiale attraverso la realizzazione e la pubblicazione di un corpus digitale di testi, opportunamente scelti da storici e linguisti in quanto rappresentativi dei diversi modi di narrare e descrivere l’Italia in guerra da parte dei suoi protagonisti.

Esplora il corpus: l’interfaccia user friendly permette di effettuare ricerche efficaci, in maniera semplice.

 

E’ possibile creare delle mappe concettuali, a seconda dei criteri di ricerca impostati :

Per ogni risorsa sono presenti Dettagli Bibliografici:

Voci della Grande Guerra è realizzato dalle seguenti istituzioni:

  • Università di Pisa, Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica, Laboratorio di Linguistica Computazionale
  • Istituto di Linguistica Computazionale “A. Zampolli”, CNR, Pisa
  • Università di Siena, Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali, Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari
  • Accademia della Crusca, Firenze


Lascia un commento

Verso il giorno della Memoria: USC Shoah Foundation

 

La missione di USC Shoah Foundation è chiara e ben definita :

Our mission is to develop empathy, understanding and respect through testimony.

Il Visual History Archive, realizzato dalla fondazione, permette di cercare attraverso 55.000 video di testimonianze di sopravvissuti al genocidio. Inizialmente nato come repository dedicato all’Olocausto, negli anni si è espanso e raccoglie materiale relativo al Genocidio Armeno, il massacro di Nanjing, il genocidio contro i Tutsi in Ruanda e il genocidio in Guatemala. L’Istituto sta continuamente ampliando l’archivio di storia visiva per includere le voci di altri sopravvissuti alla violenza di massa. Presto da aggiungere alla crescente lista di collezioni sono le testimonianze del Genocidio cambogiano degli anni ’70.

The Visual History Archive contiene più di 114.000 ore di testimonianza, l’equivalente di 12 anni.

L’Istituto si sta approcciando  anche alla  realtà virtuale, grazie a un progetto interattivo chiamato Nuove dimensioni in Testimonianza. Utilizzando l’innovativo software in linguaggio naturale, l’Istituto ha posto a 12 sopravvissuti dell’Olocausto centinaia di domande, che saranno alimentate da complessi algoritmi, per rispondere in tempo reale, in modo tale che gli studenti nel lontano futuro possano avere “conversazioni virtuali” con testimoni della storia.

Ogni raccolta dell’archivio aggiunge diversi collegamenti, fornendo molteplici percorsi per apprendere dai testimoni oculari della storia attraverso il tempo, i luoghi, le culture e le circostanze socio-politiche.


Lascia un commento

Verso il giorno della Memoria: AboutHolocaust.org

holocaust.png

AboutHolocaust.org è un sito nato dalla collaborazione tra il World Jewish Congress e l’UNESCO e con il contributo del US Holocaust Memorial Museum, che ha messo a disposizione le proprie risorse per la realizzazione del sito.

L’obiettivo è far conoscere ai giovani l’Olocausto, cercando di contrastare la disinformazione, dilagante nei social e nel web.

All’interno della piattaforma troviamo, tutto quello che, gli studenti, e non solo, dovrebbero sapere sul tema dell’Olocausto:

  • Facts: i principali avvenimenti, presentati come risposta a delle domande
  • Testimonies: video testimonianze dei sopravvissuti
  • News: novità, programmi e attività educative

Il cuore di AboutHolocaust.org è Teach A Friend: abilita l’utente a nominare un amico, che riceverà tramite mail informazioni e fatti; il passaparola diventa fondamentale per non dimenticare.

Come spiega il presidente Ronald S. Laude:

“The WJC has partnered with UNESCO in this critical Holocaust education project to pass the baton on to the young people of today, the future leaders of tomorrow. It is our duty to ensure that the six million Jews killed just for being Jewish will be remembered by all, and that the circumstances of their deaths will constantly remind us what can happen when we let hatred prevail.” (https://aboutholocaust.org/about/)


Lascia un commento

Studi sul Cristianesimo

Christianismus.it

All credits to http://www.christianismus.it

Il sito si presenta come una guida allo studio del Cristianesimo, si sofferma in modo particolare sulla storia e sulla letteratura delle origini cristiane. Nasce dall’impulso di creare un portale serio e autorevole sulla letteratura religiosa.

Christianismus, pur utilizzando un linguaggio nei limiti del possibile accessibile a tutti, ha una impostazione prettamente scientifica; tutte le informazioni qui contenute, non sono semplici opinioni personali del curatore, ma cercano di dar conto, per ogni argomento, dei risultati della ricerca del settore, recepiti e vagliati dalla comunità scientifica internazionale.

La struttura del sito

Il sito è diviso in sezioni:
· Il Gesù della storia e i suoi seguaci · Il giudaismo · L’Antico Testamento · Il Nuovo Testamento · Gli apocrifi · Qumràn · Letteratura cristiana antica · Recensioni e schede bibliografiche
 

Tra queste segnaliamo Incredibile ma falso, una piccola guida per l’utente per destreggiarsi sulle risorse in internet. Vengono ripresi anche dei temi sugli articoli presenti nel portale, viene presentato il modo in cui può cambiare la percezione di un argomento, a seconda delle fonti che vengono scelte.


Lascia un commento

Risorsa per la storia medievale: Medievalists.net

Vi segnaliamo Medievalists.net, un contenitore per gli appassionati di storia medievale, in sintonia con il concetto di Public History.

I fondatori,  Sandra Alvarez and Peter Konieczny, hanno voluto creare un sito che trattasse di storia, aprendosi alla modernità.

Peter and Sandra wanted something that was vibrant, that changed every day, and that engaged people with the past.

Tra le sezioni che possiamo trovare nel portale, vi segnaliamo:

  • l’interessante Features, per scoprire ad esempio come creare il proprio costume medievale 
  • Books per essere sempre aggiornati sui nuovi libri
  • Films&Tv una selezione di film e serie tv
  • Place to see fornisce ottimi spunti, per l’organizzazione di un viaggio in ambito medievale


Lascia un commento

E’ online il nuovo portale: La Statale Archivi

La Statale Archivi si propone come punto di raccolta del ricco patrimonio documentale conservato presso Biblioteche, dipartimenti e centri di servizio dell’Università degli Studi di Milano.

tumblr_otpc5xXdXu1sfie3io1_1280

Si tratta di 50 archivi per un totale di oltre 150.000 unità archivistiche. Questo costituisce solo la base, la volontà è quella di aumentare sia il numero degli inventari sia la produzione della documentazione scientifica di approfondimento. La Statale Archivi accoglierà progressivamente anche gli inventari di altri fondi archivistici conservati in Statale.

Il portale costituisce la nuova forma di accesso alla conoscenza, possibile attraverso il digitale; vengono abbattute le rigide differenze tra biblioteche e archivi, nel sito infatti è possibile navigare tra immagini digitalizzate, descrizioni d’inventari e proposte di attività di approfondimento.

Accanto all’Archivio storico dell’Ateneo, le cui carte partono dalle Regie Scuole ottocentesche che precedettero la fondazione dell’Università per arrivare agli anni Sessanta, si trovano archivi che spaziano dall’Egittologia, tra cui vi segnaliamo il fondo Edel Elmar, alla filologia, dall’arte alla filosofia, all’editoria, come l’archivio fotografico “La Notte”,  alla grafica, fino a giungere ad un insolito accostamento tra Archivi e cucina: le 101 ricette letterarie raccolte in Mangiarsi le parole volume curato da Luca Clerici, docente di Letteratura italiana contemporanea all’Università degli Studi di Milano.