Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Libri antichi: curiosità dietro le quinte

Nell’ambito del lavoro di ricognizione dei volumi antichi della Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica di cui potete leggere nel precedente articolo, alcuni  esemplari hanno catturato l’attenzione per la loro particolarità.
Di seguito presentiamo i casi più interessanti.

Il frontespizio, elemento costitutivo del libro antico e moderno, spesso spicca sul resto del volume per la ricercatezza e la cura nei dettagli. I volumi analizzati non sono stati da meno; alcuni, oltre a essere molto elaborati, hanno rivelato anche particolari curiosi e soggetti inaspettati. In queste immagini si possono osservare esempi particolarmente pregevoli di marche tipografiche e xilografie.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Scrivere sui libri è ritenuto da alcuni un’eresia ma, come dimostrano le foto seguenti, è usanza comune da secoli. Grazie a questa abitudine, si hanno testimonianze dirette, più o meno personali, dei vari proprietari. Si possono distinguere le note di possesso (ex libris) dalle semplici appunti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per non perdere il filo del discorso, ci si può arrangiare con simboli e disegni a margine. E in mancanza di fogli per appunti…

Nei libri può finire davvero di tutto e spesso la prima cosa sottomano può trasformarsi in un segnalibro improvvisato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non solo fogli manoscritti, ma anche fiori.

In alcuni casi, però, forse abbiamo oltrepassato i limiti.

Tra gli allegati, anche degli ospiti indesiderati particolarmente voraci, che si spera di debellare a breve con le attività di bonifica e restauro.

Screenshot_20190528-094719-02

Una larva degli insetti che hanno infestato alcuni libri della biblioteca (Gastrallus pubens) e un esempio di danni da essi provocati.

a cura di Lavinia Meda e Valeria Ranghino
si ringrazia Gemma Soru per la collaborazione


Lascia un commento

La biblioteca dell’architetto del Rinascimento

Antichi libri nella biblioteca del Merton College a Oxford

Antichi libri nella biblioteca del Merton College a Oxford. (Wikipedia)

Segnaliamo la mostra virtuale, realizzata sulla piattaforma MOVIO, che ha come tema l’architettura nei trattati rinascimentali, raccontata attraverso i volumi conservati nella Biblioteca Universitaria di Padova.

La biblioteca dell’architetto del Rinascimento guarda al passato, ai grandi modelli dell’Antichità nelle forme e negli stili, per dare vita ad un’architettura  nuova e moderna, costruita anche attraverso la pratica edificatoria quotidiana al servizio di una ricca committenza sia religiosa che laica, pubblica come privata, prodotto delle mani di colui che non solo è un tecnico, perfetto conoscitore di materiali e geometrie, ma anche un artefice e un artista, signore dello spazio e inventore di prospettive, uomo di cultura e intellettuale a tutto tondo.

La mostra si articola in cinque sezioni; completano l’esposizione una sezione dedicata agli autori e una dedicata ai volumi, con note di possesso, timbri e legature.

Molto interessante, tra i materiali a corredo della mostra, un Piccolo lessico del libro antico.


Lascia un commento

Del governo della peste, e delle maniere di guardarsene trattato di Lodovico Antonio Muratori

E’ stata digitalizzata dall’Universidad Complutense de Madrid, la famosa opera di Ludovico Muratori
Del governo della peste, e delle maniere di guardarsene trattato di Lodovico Antonio Muratori, bibliotecario del sereniss. signor duca di Modena, diviso in politico, medico, ed ecclesiastico, da conservarsi, ed aversi pronto per le occasioni, che Dio tenga sempre lontane …
posseduta dalla nostra biblioteca in un’edizione del 1743 (10L. E.P.1.B. 0083).

Il volume è scaricabile in pdf nella HathiTrust Digital Library, banca dati parzialmente ad accesso libero, a cui la nostra Università è abbonata.
Per i nostri utenti è possibile accedervi dalla Biblioteca digitale di Ateneo.


Lascia un commento

OPAL Libri antichi: libri digitalizzati dell’Università di Torino

OPAL - Biblioteca della Biblioteca di Lettera e Filosofia, Università degli Studi di Torino

OPAL – Biblioteca della Biblioteca di Lettera e Filosofia, Università degli Studi di Torino

OPAL Libri Antichi, progetto di digitalizzazione di libri antichi realizzato dalla Biblioteca della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino, contiene oltre 12860 opere suddivise in tre collezioni:

I libri, oltre che per autore, titolo,  editore, anno e luogo di pubblicazione sono ricercabili per soggetto (area tematica) e per appartenenza a fondi librari. E’ inoltre possibile specificare se si desiderano trovare esclusivamente libri illustrati.

Per maggiori informazioni sul progetto, è possibile consultare la nota tecnica.