Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Libri antichi: curiosità dietro le quinte

Nell’ambito del lavoro di ricognizione dei volumi antichi della Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica di cui potete leggere nel precedente articolo, alcuni  esemplari hanno catturato l’attenzione per la loro particolarità.
Di seguito presentiamo i casi più interessanti.

Il frontespizio, elemento costitutivo del libro antico e moderno, spesso spicca sul resto del volume per la ricercatezza e la cura nei dettagli. I volumi analizzati non sono stati da meno; alcuni, oltre a essere molto elaborati, hanno rivelato anche particolari curiosi e soggetti inaspettati. In queste immagini si possono osservare esempi particolarmente pregevoli di marche tipografiche e xilografie.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Scrivere sui libri è ritenuto da alcuni un’eresia ma, come dimostrano le foto seguenti, è usanza comune da secoli. Grazie a questa abitudine, si hanno testimonianze dirette, più o meno personali, dei vari proprietari. Si possono distinguere le note di possesso (ex libris) dalle semplici appunti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per non perdere il filo del discorso, ci si può arrangiare con simboli e disegni a margine. E in mancanza di fogli per appunti…

Nei libri può finire davvero di tutto e spesso la prima cosa sottomano può trasformarsi in un segnalibro improvvisato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non solo fogli manoscritti, ma anche fiori.

In alcuni casi, però, forse abbiamo oltrepassato i limiti.

Tra gli allegati, anche degli ospiti indesiderati particolarmente voraci, che si spera di debellare a breve con le attività di bonifica e restauro.

Screenshot_20190528-094719-02

Una larva degli insetti che hanno infestato alcuni libri della biblioteca (Gastrallus pubens) e un esempio di danni da essi provocati.

a cura di Lavinia Meda e Valeria Ranghino
si ringrazia Gemma Soru per la collaborazione