Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Le Cinquecentine della Crusca: banca dati di libri digitalizzati dell’Accademia

L’Accademia della Crusca ha realizzato una importante digitalizzazione del proprio patrimonio librario, in particolare di Cinquecentine, disponibili per la consultazione su http://www.cinquecentine-crusca.org/.
La digitalizzazione coinvolge 1132 esemplari: la digitalizzazione, per quanto non completa, ha previsto la riproduzione delle pagine significative dell’opera ai fini della tutela del patrimonio, della conservazione e della valorizzazione.

Elenco autori le cui opere sono state digitalizzate

Molto interessante, anche per chi desideri intraprendere progetti analoghi, è la descrizione dei criteri adottati per la scelta dei volumi, per la catalogazione e per le specifiche tecniche delle immagini. Per le informazioni sull’utilizzo della piattaforma (accesso libero, registrazione ed autorizzazioni) è invece possibile consultare la pagina Istruzioni.

Attenzione: per visualizzare le immagini ed effettuare ricerche è necessario registrarsi.

 


Lascia un commento

Leonardo, Galileo, Avogadro: strumenti per lo studio della storia della scienza nella biblioteca digitale del Museo Galileo

Per la storia delle scienze segnaliamo i materiali online del Museo Galileo, istituzione fiorentina che ospita gli strumenti scientifici progettati e realizzati da Galileo oltre ad altre importanti collezioni scientifiche.
Di particolare interesse, per la storia della ricerca scientifica sono i materiali contenuti nella biblioteca digitale, suddivisa in Collezioni digitali  e Mostre Virtuali (vere e proprie esposizioni digitali tematiche, come quelle riferite ad Amedeo Avogadro e Giorgio Roster ).
Tutte dedicate a Galileo sono invece le risorse Galileo e l’Universo dei suoi libri (realizzata in ciollaborazione con BNCF e Accademia della Crusca), ed il Portale Galileo, che riunisce tutte le risorse disponibili sul grande scienziato.
La mostra virtuale Museo Galileo 1930-2010 celebra invece l’attività del museo dai suoi esordi ad oggi.