Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Digital Library of Northern Thai Manuscripts

Digital Library of Northern Thai Manuscripts è un progetto per lo studio della letteratura tradizionale della Thailandia del Nord, sovvenzionato da diverse istituzioni, tra cui University of Pennsylvania e Berlin State Library.

Contiene ad oggi 6.137 manoscritti digitalizzati, ricercabili e scaricabili, provenienti da diverse collezioni: microfilm digitalizzati dal Preservation of Northern Thai Manuscripts Project, manoscritti e copie di manoscritti risalenti al 1970, epoca delle ricerche condotte da Harald Hundius, e manoscritti digitalizzati durante il progetto attuale.

Tra i documenti abbondano le risorse primarie in lingua Pali e Tai del nord; oltre ai testi locali provenienti dalla tradizione buddista Theravada, troviamo letteratura indigena e scritti storici, così come documenti che riguardano le relazioni sociali, il diritto consuetudinario, l’astrologia, la magia, mitologia e rituali, grammatica e lessicografia, poesia ed epica, racconti popolari e romanzi.

Le immagini sono rese accessibili grazie a una licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0.


Lascia un commento

Voci della Grande Guerra

Voci della Grande Guerra  è un’iniziativa scientifica e culturale che ha l’obiettivo di preservare e diffondere la memoria della Prima Guerra Mondiale attraverso la realizzazione e la pubblicazione di un corpus digitale di testi, opportunamente scelti da storici e linguisti in quanto rappresentativi dei diversi modi di narrare e descrivere l’Italia in guerra da parte dei suoi protagonisti.

Esplora il corpus: l’interfaccia user friendly permette di effettuare ricerche efficaci, in maniera semplice.

 

E’ possibile creare delle mappe concettuali, a seconda dei criteri di ricerca impostati :

Per ogni risorsa sono presenti Dettagli Bibliografici:

Voci della Grande Guerra è realizzato dalle seguenti istituzioni:

  • Università di Pisa, Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica, Laboratorio di Linguistica Computazionale
  • Istituto di Linguistica Computazionale “A. Zampolli”, CNR, Pisa
  • Università di Siena, Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali, Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari
  • Accademia della Crusca, Firenze


Lascia un commento

Manuscript Pamphleteering in Early Stuart England

083404_snippet.png

Prima dello scoppio della guerra civile nel 1642, l’Inghilterra sviluppò una vasta letteratura influente e spesso radicale. Questa letteratura di opuscoli è raramente menzionata e ancor più raramente analizzata da storici o critici letterari, non ultimo perché è stata scritta a mano piuttosto che stampata con caratteri mobili.

Manuscript Pamphleteering in Early Stuart England si propone di raccogliere il vasto archivio di manoscritti; in collaborazione con la British Library, questo progetto costruirà un database di testi di opuscoli manoscritti, informazioni bibliografiche e immagini digitali. Vengono descritti in dettaglio la circolazione di oltre 500 testi distinti che sopravvivono collettivamente in circa 4.000 testimoni unici. Inoltre, vengono messi a disposizione trascrizioni di oltre 200 esemplari, la maggior parte dei quali sono accompagnati da immagini ad alta risoluzione. Per ogni testo, il database elenca le informazioni bibliografiche di base, tutti i testimoni manoscritti conosciuti e i dettagli di esempi di stampa noti (sia del diciassettesimo che del moderno). Dove disponibile, fornisce anche versioni full-text di esemplari trascritti e immagini ad alta risoluzione. Le versioni PDF degli esempi sono disponibili nella scheda “Descrizione testo” per ciascun esemplare, così come i dati XML (codificati secondo le linee guida TEI P5).


Lascia un commento

Weapons of mass destruction

La Bibliotecacover digitale dell’Università degli Studi di Milano, si arricchisce della banca dati: Weapons of Mass Destruction.

La risorsa consente l’accesso a un considerevole numero di documenti declassificati datati dalla fine degli anni Settanta. Circa 2.400 documenti permettono di ricostruire la storia della formazione da parte degli Stati Uniti della più grande riserva al mondo di armi nucleari, chimiche e biologiche, spiegano il ruolo giocato da questi armamenti in occasione di una serie di crisi mondiali, come hanno informato la politica degli Stati Uniti e della NATO e le relazioni internazionali durante la Guerra Fredda.
La risorsa è acquisita con il contributo della Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica.

 


Lascia un commento

Civico Archivio Fotografico di Milano

Le finalità dell’archivio sono quelle di conservare, tutelare e valorizzare il proprio patrimonio, per stimolare ed arricchire la ricerca scientifica, in ambito nazionale ed internazionale. A questo scopo, risulta di grande importanza la pubblicazione online delle collezioni fotografiche dell’archivio, nel nome di una conoscenza sempre più condivisa ed accessibile a tutti.

L’archivio conserva uno dei più vasti patrimoni fotografici italiani e le sue collezioni comprendono fotografie originali databili dal 1840 ai giorni nostri.

Attualmente sono consultabili 50.576 fotografie.

E’ possibile effettuare una ricerca delle fotografie per autore, che al momento della stesura di questo articolo risultano 994, tra cui importanti fotografi italiani e stranieri.


Lascia un commento

Museo delle Storie di Bergamo

Immagine.png

Museo delle Storie di Bergamo: all credits to https://www.museodellestorie.bergamo.it/

Il Museo delle storie di Bergamo è gestito dalla Fondazione Bergamo nella storia, nata nel 2002 con l’obiettivo di proteggere, valorizzare e comunicare in forme nuove il patrimonio storico e l’identità del territorio bergamasco.

Si propone di raccontare la storia di Bergamo attraverso i sei simboli della città, in cui viene fornita una breve descrizione, il link di approfondimento e tutte le informazioni relative alle visite:

Nella sezione Agenda delle Storie vengono segnalate le iniziative dei Musei. Gli ultimi progetti sono: A bottega dallo speziale, La casa della Storia e Ultimo dell’Anno al Museo; i vari link vi indirizzano alle pagine dove vengono fornite le informazioni per poter aderire alle proposte.

780

(VALLE BREMBANA) OLTRE IL COLLE – PANORAMA All credits to https://archivio.museodellestorie.bergamo.it

E’ possibile poi accedere all’Archivio Sestini, Archivio fotografico delle storie di Bergamo. E’ stato effettuato un grande lavoro di digitalizzazione delle foto e l’accesso online è semplice ed immediato.


Lascia un commento

A volte ritornano: nuova sezione del sito Antentati

Vi abbiamo già parlato del sito Antenati Gli archivi per la ricerca anagrafica (clicca qui per leggere l’articolo). E’ stata ampliata la sezione Storie di Famiglia, quindi vi elenchiamo di seguito le principali novità:

  • Archivio Audiovisivo della Memoria Abruzzese L’attività dell’archivio si concentra principalmente sulla raccolta di film familiari e amatoriali provenienti dalle famiglie abruzzesi, testimonianze sulla vita, sulla società e sul territorio in grado di arricchire la memoria collettiva della regione.

  • Vite filmate dall’Archivio Nazionale del Film di Famiglia propone una rassegna di video e materiali, considerati particolarmente rappresentativi della vita nel ‘900.

  • Superottimisti – Archivio regionale di film di famiglia  Il patrimonio di film di famiglia di Superottimisti è stato oggetto del progetto di censimento promosso dall’ICAR-Istituto Centrale per gli Archivi a partire dal 2017. Segnaliamo che il montaggio e l’edizione video sono stati realizzati con il software Klynt, una piattaforma che permette all’utente di consultare i fondi filmici secondo una modalità innovativa e interattiva, seguendo la loro successione cronologica oppure costruendo percorsi alternativi.

  • Cinescatti – Laboratorio 80  Il patrimonio di film di famiglia di Cinescatti – Laboratorio 80 è stato oggetto del progetto di censimento promosso dall’ICAR-Istituto Centrale per gli Archivi a partire dal 2017

  • Società Umanitaria – Cineteca Sarda Il patrimonio di film di famiglia della Società Umanitaria – Cineteca Sarda è stato oggetto del progetto di censimento promosso dall’ICAR-Istituto Centrale per gli Archivi a partire dal 2017