Valdesi medievali. Bilanci e prospettive di ricerca

Si apre oggi a Milano, nella Sala di rappresentanza del Rettorato (via Festa del Perdono 7) il convegno organizzato dal Dipartimento di Scienze della Storia e della Documentazione storica con l’adesione della Società di Studi Valdesi e del Centro Culturale Protestante, dedicato alla storia medievale dei Valdesi: Valdesi medievali. Bilanci e prospettive di ricerca.
La prima giornata del convegno è dedicata alla Storiografia e fonti utili alla ricostruzione storica; mentre il secondo giorno è incentrato sulla Letteratura valdese, di cui si vogliono offrire delle proposte di lettura.

Movimento religioso cristiano. Nato tra XII e XIII secolo intorno alla figura di Valdo di Lione, era in origine un movimento di laici che predicavano la povertà evangelica e che per questo furono chiamati Poveri di Lione. Originariamente essi tentarono l’inserimento nella Chiesa cattolica, ma la loro disubbidienza al divieto di esercitare la libera predicazione, imposto dalla gerarchia ecclesiastica, li pose fuori dell’ortodossia, in posizione ereticale. La condanna della chiesa in realtà accelerò la loro diffusione, poiché ne favorì i viaggi itineranti in tutta Europa. Sostenevano il diritto dei laici, anche donne, a predicare; si schierarono contro i giuramenti, la pena di morte e il servizio militare e subordinarono il valore dei sacramenti all’integrità dei sacerdoti, da cui pretendevano un comportamento dignitoso. Dopo la Riforma la Chiesa valdese si organizzò secondo il modello della Chiesa di Ginevra. Il culto pubblico fu inaugurato nella valle di Angrogna in Piemonte, nel 1555. Durante la Controriforma fu massacrata la comunità di Calabria (1561), mentre in Piemonte Emanuele Filiberto concesse la tolleranza alle comunità valdesi, limitatamente alle valli in cui erano stanziate. Nuovamente oggetto di sanguinose persecuzioni da parte di Carlo Emanuele II, ottennero una piena libertà di culto solo nel 1848 con un editto di Carlo Alberto.

Se vuoi avvicinarti alla storia dei Valdesi, puoi leggere questa bibliografia (non esaustiva) sulla storia dei Valdesi dalle origini al Novecento, che comprende testi presenti nella nostra Biblioteca.
Un’ottimo strumento da cui trarre indicazioni è anche la Bibliografia valdese, presente in rete dal 2003 che offre non solo la possibilità di consultazione delle schede, ma anche di inserire nuove schede e di aggiornare o correggere quelle già esistenti. Si può fare una ricerca semplice o avanzata o scorrere il soggettario e i preziosi indici: degliautori, dei titoli, dei luoghi

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...